Alloro, Laurus Nobilis L. (by Centro Natura)

Famiglia:Lauracee

Nomi comuni :Lauro

E’ una pianta le cui dimensioni variano da quelle di un piccolo arbusto fino a un albero alto anche 10m;è sempreverde con corteccia piu’ o meno liscia dapprima verde nei rami giovani poi scura nel tronco e nei rami piu’ grandi.

Le foglie ,di consistenza coriacea e lunghe fino a 10cm sono di colore verde scuro e glabre di forma oblunga con apice acuto. Osservando in trasparenza si notano dei puntini traslucidi dati dalle ghiandole in cui è contenuto l’olio essenziale. I fiori sono riuniti in piccole ombrelle e il frutto è una drupa di colore nerastro.

La pianta è spontanea nei boschi e nelle macchie della regione mediterranea specialmente lungo la costa tirrenica

Parti usate: foglie e frutti; le foglie si raccolgono tutto l’anno anche se le migliori sono quelle raccolte in luglio-agosto mentre i frutti si raccolgono a completa maturazione in ottobre-novembre.

Proprietà: aromatiche, aperitive, digestive, stimolanti, leggermente antisettiche, espettoranti

Principi attivi: olio essenziale, sostanze grasse, tannini, amidi, resine.

L’alloro, pianta nota per le caratteristiche aromatiche nella buona cucina, possiede proprietà stimolanti degli enzimi della digestione, e quindi un’azione aperitiva  digestiva.

Azioni secondarie ma non trascurabili sono quelle espettoranti e antireumatiche.

Gli infusi di foglie di alloro, a dosi moderate, agiscono da stimolanti generali dell’organismo, purificando il tubo digerente, favoriscono l’eliminazione dei gas intestinali.

Le preparazioni ottenute con i frutti sono destinate all’uso esterno per le proprietà antisettiche, lenitive, leggermente antidolorifiche in pomate e lozioni.

Infuso a base di alloro: 1 gr in 100ml d’acqua, infondere 10 minuti coperto. Una o due tazze al dì.

Pediluvio: mettere in infusione una piccola manciata di foglie in acqua calda. Utile per le estremità stanche e che sudano facilmente.

 

Questa voce è stata pubblicata in Piante.